Vini da regalo

Guida alla scelta dei vini da regalo

I regali di Natale ogni anno mettono a dura la prova la fantasia (ed il portafoglio) di ciascuno di noi: evitare di ripetersi, di fare dei doni sgraditi, cercare di non spendere molto ma comprare comunque qualcosa che faccia la sua bella figura, è tutt’altro che semplice.

Quindi? Beh, quindi una valida opzione per risolvere in un colpo solo tutti i problemi potrebbe essere quella di regalare del vino. Ecco come scegliere il migliore.

Il vino è per tutti

A meno che non abbiate la sfortuna di essere circondati da amici e parenti totalmente astemi, il vino è un regalo che si addice praticamente a tutti: donne, uomini, amanti del carne o del pesce, sostenitori del bianco, del rosso o del rosé…

Ecco perché una buona enoteca (vi consigliamo il sito www.enotecaproperzio.it) può rappresentare la vostra ancora di salvezza.

Un vino per ogni pasto

Il vino può accompagnare un pasto impegnativo, come il pranzo o la cena, oppure ancora qualche stuzzichino da sgranocchiare durante una serata informale.

Siete stati invitati a cena durante la stagione più fredda dell’anno e prevedete che la tavola verrà imbandita di ogni genere di leccornia e soprattutto di carni? Il meglio che possiate scegliere è un bel rosso corposo e profumato. Che ne dite di un Montepulciano, di un Chianti, di un Negroamaro oppure ancora di un Nebbiolo?

Un invito ad un pranzo a base di pesce invece richiede a gran voce un bianco spumeggiante o quanto meno un buon rosé secco.

Per un pasto informale poi puntate su un buon Passito di Pantelleria, oppure su un ottimo Moscato o, in alternativa un Vin Santo. Non escludete infine dei vini, per così dire, di meditazione quali, ad esempio, il Barolo Chinato.

Costi

Il costo di una bottiglia di vino può dipendere da diversi fattori, ma non è assolutamente vero che per fare una bella figura sia necessario impegnarsi un rene.

Gli intenditori sanno bene che il gusto di un vino, ed in parte il suo prezzo, derivano dalle modalità di imbottigliamento, dall’età, per così dire, e così via. Un prodotto di qualità già soddisfacente può costare insomma anche una decina di euro e, non è raro che accada, avere un ottimo sapore ed appartenere persino alla categoria degli IGT o dei DOC.

Con una ventina di euro invece è possibile acquistare già dei vini di pregio, DOC o DOCG. Certo, alzando ulteriormente la posta, è possibile portare a casa delle vere e proprie eccellenze o, superando la soglia dei 100 euro, dei prodotti d’élite.

Un must del gusto a prezzo contenuto? Magari il Selva Rossa riserva imbottigliato nella cantina Due Palme.

Donna o uomo?

In genere il gentil sesso preferisce il bianco frizzante (ottimi il Valdobbiadene, il Prosecco, il Taurosae oppure il Martini), ma un’occasione particolare richiede un più passionale rosso intenso.

Per gli uomini invece è meglio puntare sulle riserve per quanto riguarda i vini rossi o, in alternativa, su spumanti di livello.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi