Cosmetici

Cosmetici a base di petrolati: quali sono i rischi e perché evitarli?

Petrolatum, paraffinum liquidum o mineral oil: ne avere mai sentito parlare? Sono ingredienti presenti spesso nell’Inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients). L’Inci è l’elenco degli ingredienti riportato sulle confezioni dei prodotti cosmetici, obbligatorio dal 1997.

La maggior parte delle persone è attenta agli ingredienti presenti nei prodotti alimentari, ad esempio, mentre si dimentica di controllare quali ingredienti sono presenti nei prodotti cosmetici. È opportuno invece prendere questa abitudine, così da evitare ingredienti potenzialmente dannosi per il corpo.

Non possiamo trattare in un solo articolo tutti gli ingredienti utilizzati nella cosmesi, perciò ci concentreremo su uno specifico ingrediente, tra i più utilizzati. Di seguito scopriremo cos’è il petrolatum.

Petrolatum cos’è?

Petrolatum, Paraffinum Liquidum o Mineral Oil, sono tutti i nomi di uno stesso ingrediente, ossia la paraffina liquida. La paraffina liquida è un derivato del petrolio, utilizzato da secoli per vari scopi.

La paraffina è biancastra, leggermente traslucida, insapore e inodore, e molto unta al tatto. La sua funzione nei prodotti della cosmesi è quella di emolliente e solvente, inoltre, è molto utilizzata in lucidanti, impregnati, lubrificanti e smacchianti.

Nell’industria alimentare è utilizzata per rivestire salumi e formaggi, garantendone la conservazione.

Molti si chiedono se l’uso così elevato di questa sostanza possa far bene all’organismo.

Petrolatum nella cosmesi

La paraffina liquida è utilizzata nella cosmesi come idratante, creando una barriera sulla pelle che impedisce ai liquidi di uscire. Non un vero idratante, quindi, ma un ostacolo per la traspirazione. I germi presenti sulla pelle, rimangono intrappolati e ciò favorisce la comparsa di acne.

Ma anche le impurità rimanenti dopo il processo di raffinazione preoccupano gli esperti, in quanto potenzialmente cancerogene e dannose per la salute della pelle.

Nella cosmesi neonatale, la paraffina liquida è molto utilizzata, proprio per le sue caratteristiche: essere inodore e insapore. Molto spesso i neonati, infatti, soffrono di vere e proprie dermatiti da petrolati.

Le alternative alla paraffina liquida sono molto più costose e quindi poco usate dall’industria cosmetica. Oli e burri vegetali sarebbero un ottimo sostitutivo, ad esempio l’olio di cocco, di mandorle di jojoba, di argan, il burro di karitè, si possono utilizzare e sono completamente ecologici, nutrono davvero la pelle e la rendono morbida e in salute.

È importante perciò saper scegliere con criterio cosa utilizzare per truccarsi, per lavarsi e per idratare la pelle, nostra e dei nostri figli. Prestare attenzione all’Inci e il primo passo per cominciare a prendersi cura del proprio corpo e della propria salute.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Copyright 2018 © webdonne.net - Tutti i diritti riservati.